Nessun prodotto selezionato

PIÚ DI 35.000 FOGLIE D’ORO MANETTI PER ” THE GOLDEN TOWER ” DI JAMES LEE BYARS.

L’obelisco dorato illumina Venezia.

The Golden Tower di James Lee Byars.


In occasione della 57esima Biennale d’Arte di Venezia, la Michael Werner Gallery presenta “ The Golden Tower ” un’opera artistica di James Lee Byars che sarà in esposizione dal 13 maggio al 26 novembre 2017 al Campo San Vio, sulle rive del Canal Grande, tra l’Accademia e la Peggy Guggenheim Collection. L’evento, collaterale alla Biennale, curato dal direttore del Museo Marino Marini di Firenze, Alberto Salvadori, è stato reso possibile grazie all’importante contributo della Fondazione Giuliani di Roma e il supporto della Michael Werner Gallery di New York.



L’obelisco dorato, alto più di 20 metri, è stato completamente dorato con 35.500 foglie d’oro 24 carati, formato mm 80 x 80, prodotte da Giusto Manetti Battiloro, azienda leader internazionale nella produzione di foglia oro per la decorazione artistica, il restauro e l’interior design. L’opera è rivestita con una quantità di oro corrispondente a 710 grammi di puro oro zecchino. L’installazione è stata compiuta in onore di un lontano desiderio, mai avverato, dell’enigmatico artista americano di voler collocare una scultura dorata alta più di 1.000 metri lungo il muro di Berlino. Un’opera analoga, chiamata già “The Golden Tower” era stata precedentemente realizzata da Byars ed esposta al pubblico in occasione di una mostra al Martin-Groupis-Bau di Berlino nel 1990.

La scelta dei curatori di installare l’opera ” The Golden Tower ” nella città di Venezia è nata per dare valore al forte legame che James Lee Byars ha avuto con la città, dove visse dal 1982 fino alla sua morte. In quel periodo, lavorando a stretto contatto con i maestri vetrai di Murano, James produsse la famosissima scultura “The Angel”, composta da 125 sfere di vetro di Murano trasparente disposte una vicino all’altra: quest’opera è attualmente in esposizione alla Michael Werner Gallery di New York dal 2006 e alla Michael Werner Gallery di Londra dal 2013.

L’artista e scultore ha inoltre promosso numerosi spettacoli a Venezia ed esposto molte sue opere, come la celebre “Morte di James Lee Byars” nel 1993. Byars ha già partecipato a quattro precedenti Biennali di Venezia, con la performance “Be Quiet” all’apertura della XXXIX Biennale e “The Poet of the Gondola” durante la Biennale del 1986. La sua scultura “The Spinning Oracle di Delphi” è stata esposta alla Biennale del 1999, oltre a tre grandi sculture in marmo dorato per la Biennale del 2013.

L’obelisco dorato “The Golden Tower” fa luce su Venezia da diverse parti, essendo collocato in uno dei punti strategici della città. L’opera d’arte diventa quasi un punto di riferimento per i cittadini e i visitatori, una sorta di faro dorato che illumina Venezia dal Canal Grande.

È sempre più frequente l’accostamento del metallo prezioso all’arte moderna e contemporanea. L’utilizzo della foglia oro non è più esclusivamente legato al mondo dell’arte classica e del restauro. Oggi si assiste ad una sorta di rinascimento della foglia oro, sempre più presa in considerazione da famosi architetti e interior designer per la realizzazione di nuovi progetti. La foglia oro diviene elegante dettaglio o addirittura elemento essenziale di architetture moderne e contemporanee.

Basti pensare alla recente “Fondazione Prada” di Rem Koolhaas, un’articolata configurazione architettonica dove il nuovo interagisce con l’esistente. Il progetto, risultato della riqualificazione di una distilleria risalente ai primi anni del ‘900, ha interessato sette edifici esistenti e tre nuove strutture tra cui la torre, dorata con più di 200.000 foglie d’oro. Nel mondo dell’interior design di lusso, la foglia oro è stata scelta come materiale di pregio per il restyling del famoso negozio di scarpe di New York Aquazzurra, frutto di un’importante collaborazione tra il designer Ryan Korban e il curatore del brand Edgardo Osorio.

Nel corso dei secoli la foglia oro è stata adoperata molto nell’ambito dell’architettura e nel design d’interni: la luce calda e radiante, la consistenza malleabile e soprattutto la resistenza all’attacco degli agenti esterni hanno reso l’oro e lo rendono ancora uno dei metalli più preziosi al mondo.


The Golden Tower 57esima Biennale di VeneziaThe Golden Tower 57esima Biennale di Venezia


security-shield-lock-128

Informativa Cookie

Continuando a navigare sul nostro sito, accetti l’utilizzo dei cookies per misurare l’audience del nostro sito e proporti contenuti adattati ai tuoi centri d’interesse. Clicca qui per saperne di più

Accetto