Nessun prodotto selezionato

IL TERZO GIORNO: RINASCITA AMBIENTALE


La sfera dorata simbolo della rinascita ambientale


Si è appena conclusa la mostra “ Il Terzo Giorno ”, un evento artistico molto importante a cui hanno partecipato 40 artisti, tra cui Marina Abramović, Roger Ballen, Jhon Isaacs, Sebastião Salgado. Le 117 opere esposte hanno avuto come tema la sensibilizzazione al rispetto ambientale, un tema metaforicamente già presente sin dalla scelta del nome della mostra. “ Il Terzo Giorno ” è, infatti, un riferimento al terzo giorno biblico, quello in cui fu creata la flora e la sua prosperità. La congiunzione tra i due temi sta proprio nella volontà, da parte di tutti coloro che hanno partecipato alla mostra, di fare qualcosa di utile per l’ambiente.

Non è un caso che l’elemento più “nobile” della manifestazione (oltre al valore delle opere degli artisti) sia stata la decisione di restituire il  50% dei ricavati della mostra alla città di Parma, per agevolare la realizzazione del progetto “Kilometro verde”. Questo progetto prevede, infatti, la creazione di un parco alberato di circa 11 km da inserire lungo l’arteria autostradale del parmense, così da dare vita a numerosi vantaggi per la comunità e l’ambiente, come la diminuzione di CO2 e inquinamento nell’aria, la riduzione di rumore nei centri abitati e il miglioramento del quadro paesaggistico. Si tratta di un evento eccezionale poiché è la prima volta che in Italia una mostra si rivela fondamentale non solo per il proprio impatto culturale ma anche per quello ambientale.

Probabilmente spinti da grande voglia di capire e rimanere estasiati dalle opere d’arte, ma anche contribuire al progetto “Kilometro Verde”, i visitatori a Il Terzo Giorno sono stati innumerevoli, circa 10.000. Ad essi si sono aggiunti anche 2.000 bambini che hanno preso parte a laboratori creati su misura per favorire la loro espressività e fantasia.


La sfera dorata in Piazza Garibaldi a Parma

La sfera dorata in Piazza Garibaldi a Parma


Simbolo della manifestazione è stata l’opera di Anna Ippolito e Marzio Zorio: A.L.F.A. 1. Si tratta di una enorme sfera dorata di 300 cm di diametro, posta in sospensione di fronte alla facciata del Palazzo del Governatore. Il consenso è stato molto ampio tra cittadini e visitatori perché l’opera ha avuto sin da subito il pregio di integrarsi armoniosamente con la bellezza artistica di Piazza Garibaldi. Ricoperta da 1.600 foglie d’oro imitazione Manetti tramite tecnica di doratura a missione all’acqua, l’opera è stata realizzata a quattro mani da Anna Ippolito e Marzio Zorio con l’idea di rappresentare la rinascita.


A.L.F.A. 1. - un'opera in sospensione

A.L.F.A. 1. – un’opera in sospensione


La sfera riassume nella sua forma geometrica la perfezione ideale, nella quale gli elementi principali che costituiscono l’esistente si esprimono: dai pianeti al centro dell’atomo, fino ad arrivare al Sole, considerato in tutta la storia dell’uomo, il centro dell’universo, del tempo, della vita stessa. La sfera simboleggia inoltre la visione tridimensionale di un punto, che può essere d’inizio o di fine, a seconda delle decisioni che prenderemo come umanità. In conclusione l’opera d’oro è un inno alla vita e un monito di rispetto verso di essa e verso il suo mistero: essa è tanto preziosa quanto la sua necessità di essere protetta.


security-shield-lock-128

Informativa Cookie

Continuando a navigare sul nostro sito, accetti l’utilizzo dei cookies per misurare l’audience del nostro sito e proporti contenuti adattati ai tuoi centri d’interesse. Clicca qui per saperne di più

Accetto