Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Certificazioni
Eventi e news
Gallery
Gilding academy
Produzione
Responsabilità
Storia
Wikigold
0
MENU
Eventi e news LA FOGLIA DI GIUSTO MANETTI BATTILORO PER LA FONDAZIONE PRADA

LA FOGLIA DI GIUSTO MANETTI BATTILORO PER LA FONDAZIONE PRADA

200.000 foglie d’oro per un capolavoro dell’architettura firmato da Rem Koolhaas

Milano, giugno 2015 – Dopo aver contribuito al restauro delle coperture in oro dei più prestigiosi edifici del mondo, Giusto Manetti Battiloro fa ora splendere la sua foglia d’oro su un vero e proprio capolavoro dell’architettura contemporanea: la sede della Fondazione Prada, progettata nella zona sud di Milano dallo studio OMA dell’archistar Rem Koolhaas.
Caratterizzato da un’articolata configurazione architettonica che combina edifici preesistenti e tre nuove costruzioni, il complesso è il risultato della trasformazione di una distilleria risalente all’inizio del Novecento.

Il suo simbolo più inconfondibile è la Haunted House (Casa degli spiriti), una torre degli Anni Dieci al cui interno sono esposti un’installazione permanente concepita da Robert Gober (1954) e due lavori di Louise Bourgeois (1911-2010). La sua superficie esterna è stata interamente rivestita con oro battuto da Giusto Manetti Battiloro.

Le 200.000 foglie d’oro, di straordinario impatto scenografico, creano un irresistibile gioco di confronto con le superfici di cemento, vetro e schiuma di alluminio degli edifici attigui e un sorprendente contrasto con il panorama urbano circostante, fatto di abitazioni popolari e hangar industriali. “L’oro che riveste la torre – ha spiegato Koolhaas a “Il Corriere della Sera” – è un segnale, un modo per far capire la ricchezza di questa parte poco conosciuta della città, un ulteriore invito al confronto. La filosofia alla base di questa Fondazione è che non ci devono essere più opposti, che è giusto scegliere la via di convivenza pacifica tra gli estremi. Per farlo capire ho pensato che l’oro, il simbolo più evidente della ricchezza, potesse essere lo strumento più efficace: è bastato utilizzarlo per dare valore a quello che c’era prima, per trasformare quello che era povero in ricco».

L’olandese Rem Koolhaas (classe 1944) ha firmato alcuni degli edifici più significativi degli ultimi decenni (la Casa da musica di Porto nel 2005, la sede della China Central Television di Pechino nel 2011), ha vinto il Pritzker Prize (il Nobel dell’architettura) nel 2000 e il Leone d’oro alla Biennale di Venezia nel 2010.